Scacco al Glutine! Gli alimenti permessi e quelli no.

 
Questo mese la sfida è sua una torta senza glutine, che non nasce già senza glutine, ma è stata trasformata da me in senza glutine. Però , per cucinare senza glutine, ahimè, non basta sapere solo quali sono gli ingredienti giusti. Purtroppo anche quelli privi di glutine naturalmente, se sono prodotti in stabilimenti che lavorano altri cibi contenenti glutine, vengono contaminati.
Fra l’altro come dicevo nel post sulla Red Velvet Cake ci sono degli alimenti insospettabili, come le bevande. Fino a poco tempo fa erano proibiti alcuni superalcolici, che, invece col tempo, sono stati concessi. Però vi tocca sapere che fra le bevande proibite ci sono tutti i liquori a crema (es. Baileys), se non quelli homemade, le vodke aromatizzate e la birra. Tutto il resto è sdoganato.
Vi metto qui un breve elenco dei cibi permessi e di quelli vietati, fermo restando che dovete leggere attentamente le etichette anche dei cibi permessi.

 

I cibi SEMPRE PERMESSIsono:

CEREALI:
-riso (di tutte le varietà) e tutti i suoi derivati (la sua farina, la crema, i fiocchi)
-mais e tutti i derivati (farina, polenta)
-miglio, quinoa, grano saraceno, tapioca, sorgo, teff e tutti i loro derivati
-soia e tutti i suoi derivati (anche se è un legume)
- la fecola di patate (quindi le patate, anche se non sono un cereale e come tutti i tuberi sono consentiti)
- malto di questi cereali
LEGUMI:
-tutti: fagioli di tutti i colori, fave, soia di tutti i colori, lenticchie di tutti i colori, piselli, ceci in qualsiasi forma cioè anche sotto forma di farine

CARNE:
tutta

PESCI:
tutti
LATTICINI:
-latte vaccino, caprino, di soia, di riso
-burro, panna e panna acida
-latte condensato
-latte di cocco
-tofu
FRUTTA E VERDURA:
-tutta quella fresca e surgelata se non infarinata o panata
-frutta secca a guscio

BEVANDE:
-acqua (anche soda e tonica)
-Tè e caffè
-succhi di frutta
-alcolici e superalcolici puri
ALIMENTI SPALMABILI E CONDIMENTI
-Nutella
-Miele, sciroppo di acero e melassa
-burro d’arachidi
-confetture e marmellate
-aceto (anche balsamico, ma non le creme)

  gli ALIMENTI  SEMPRE VIETATI sono


CEREALI:
-grano
-kamut
-avena
-orzo
-segale
-triticale
-malto di questi cereali
LEGUMI:
-anche se i legumi non contengono di per sé glutine, tuttavia se sono prodotti in stabilimenti dove sono prodotti cereali con glutine non possono essere usati per i celiaci.
-legumi in scatola, se non espressamente consentiti
LATTICINI:
-latte di malto, di avena e quelli aromatizzati
-formaggi spalmabili, se non espressamente consentiti
-crema pasticcera, pronta
-dessert a base di latte e alcuni yogurt
CONDIMENTI
-salse pronte (maionese, salsa rosa, ecc. se non espressamente consentite)
-salsa di soia (soltanto una è permessa è il Tamari e io la trovo da Naturasì)


e  poi ci sono i CIBI A RISCHIO.....
Però in questo elenco sommario, mancano una serie infinita di prodotti che non posso elencare perché vanno per marca. Ad esempio il cioccolato di per sé andrebbe bene, ma alcune marche non sono consentite. Uguale cosa per alcune salse pronte, alcuni yogurt, alcuni gelati, alcune patatine, alcuni salumi, ecc. ecc., ma anche le stesse farine prive di glutine se prodotte in stabilimenti dove c’è contaminazione, diventano proibite e così via… Insomma l’elenco è infinito.
Come fare a sapere allora se un alimento è consentito?
Un modo abbastanza semplice c’è! Basta leggere attentamente le etichette! Adesso poi la normativa prevede che deve essere scritto a chiare lettere e infatti nei prodotti esteri è sempre specificato se può contenere tracce di glutine. Infine, se un prodotto porta la spiga sbarrata sulla sua confezione è certificato dall’AIC ed è garantito per i celiaci.

REGOLE PER EVITARE CONTAMINAZIONI
Purtroppo per un celiaco è grave anche un comportamento “scorretto” in cucina. Ci sono delle regole da seguire per evitare eventuali contaminazioni in cibi destinati ai celiaci. Alcune semplici regole possono evitare di far star male un celiaco se:
1. Lavate mani, superfici, utensili sporchi di farina, possibilmente in lavastoviglie e accuratamente e preferite gli utensili in acciaio o in vetro e non quelli in legno, che sono assorbenti;
2. Usate la carta forno per le teglie e tutti quegli utensili (come piastre) dove hanno cotto cibi col glutine;
3. Se volete cucinare la pasta per un celiaco, l’acqua deve essere pulita, il cucchiaio con il quale mescolate la pasta senza glutine a parte, il sale nuovo o comunque non quello contaminato dal cucchiaio “sporco” di acqua della pasta col glutine;
4. Evitate di infarinare i cibi, anche quelli degli altri, così eviterete grande fonti di stress; se proprio dovete non mettete nella stessa padella o teglia le due preparazioni;
5. se usate una griglia e avete della carne impanata, grigliate prima quella del celiaco (senza panatura) e poi tutto il resto;
6. non addensate salse, ecc. con farina. Usate la fecola, la farina di riso, la maizena, o l’amido di riso, per tutti e sarà più semplice!
7. non appoggiate il cibo su cibi col glutine o dove sia stato cibo col glutine. Ad esempio il pane del celiaco non mettetelo insieme a quello col glutine o nello stesso contenitore anche senza che l’altro sia presente;
8. anche per l’olio di frittura valgono le stesse regole, prima friggete il cibo senza glutine e poi tutto il resto; in ogni caso non utilizzate quello già usato in precedenza contaminato!
9. Se avete dei dubbi sulla composizione dei cibi… non usateli!
10. Non usate creme spalmabili consentite (come ad es. Nutella) già usate su cibi col glutine.
11. Togliete una fetta, dal formaggio o dal burro usato per altre preparazioni, così da evitare contaminazioni.

EPPERO'....

Detto tutto questo, però, non voglio che passi il messaggio: “non inviterò mai un celiaco a cena, è troppo difficile!” Perché vi dico un’altra cosa, che sono certa vi stupirà grandemente: io le contaminazioni le subisco anche a casa! E sì, perché i miei figli e mio marito mangiano il pane col glutine, perché io compro la carne in macelleria dove preparano anche della carne panata, e anche se il nostro macellaio è attentissimo, può capitare che delle mollichine raggiungano anche la mia fetta di carne. Purtroppo, è difficilissimo eliminare il glutine perfettamente.
Che fare? Niente! Non ci si può fare proprio niente. Ecco perché ogni tanto mi concedo un’uscita, un invito a cena… I miei amici ormai hanno imparato a cucinare anche per me, sanno cosa mi è permesso e cosa mi è vietato e sono sempre disponibili a preparare per tutti la stessa cosa… Ma chi mi garantisce che il sale che usano non è contaminato? Cioè dovrebbero aprire ogni volta un pacco nuovo o usare un cucchiaio solo per il sale, non usato in precedenza per mescolare la pasta… Ecco, anche questa è contaminazione… Ecco, ormai voi lo sapete e lo farete, ma sappiate che una volta ogni tanto, subire una contaminazione (ma solo la contaminazione, non altro) non è grave e io preferisco vivere e mangiare… in compagnia…

Stefania Oliveri- Cardamomo & Co. 

A questo link,nel blog di simonetta, trovate un approfondimento sulle farine senza glutine: composizione, utilizzi, proprietà 


Commenta il post

gucci replica 03/02/2015 06:11

Pretty good post. I just stumbled upon your blog and wanted to say that I have really enjoyed reading your blog posts.

๓คקเ 02/11/2013 20:22

Grazie Stefania per il tuo post, che ci fa calare nella pelle di un celiaco.
Grazie anche per la pazienza e lo stoicismo con cui affronti ogni giorno la tua malattia, cercando di farla pesare il meno possibile agli altri (eppure a te pesa, eccome!).
E grazie per aver portato alla nostra attenzione un problema accanto al quale passiamo spesso senza dedicargli neppure un pensiero: che d'ora innanzi non sia più così!!!

Erika 02/09/2013 15:43

Si lo so sono pesante e pedante..leggere l'etichetta è un buon inizio ma non sufficiente..mille insidie di celano anche nelle virgole..riferiamoci sempre e solo al prontuario AIC per togliere ogni dubbio!
:)

Erika 02/09/2013 15:41

:)

Erika 02/09/2013 15:40

Posso dare un consiglio?il riferimento è il prontuario AIC solo lui dà sicurezza nell'acquisto.
Tanti prodotti in cui l'etichetta è scarsa di informazioni sono permessi,altri traggono in inganno..esiste anche in line e in app gratuita per smartphone.
Io non faccio la spesa senza :)))