MTC n. 29: I Premiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii


Liberi di non crederci: ma l'intenzione era di premiarvi tutti.
Ero partita dal'idea di commentare le ricette, a mano a mano che le leggevo, visto che questo mese sono stata ultra latitante, su questo fronte. E da lì, si è accesa la lampadina: quasi quasi, commento e premio.
Non so se sarei riuscita ad arrivare in fondo: ma una buona metà l'avrei anche smaltita. Se non fosse stato, nell'ordine, per
- l'erba alta della casa di campagna
- la IV bucolica di Virgilio "che va be', mamma, faccio da sola... cosa vuol dire "sicelides?" e "musae?"
- le irresistibili lusinghe dell'asse da stiro a cui si sono aggiunte quelle della lavatrice, che taci che non piove
- l'"ale ti secca se oggi pomeriggio lavoro da casa, con i miei soci?"
- e l'amica del cuore, "che guai a te se non ceni con noi"
Morale: ne ho scritti solo una decina, più qualcuno che avevo in mente dall'inizio. Però, l'idea è rimasta. Fatemici lavorare su.
E intanto, godetevi questi..


il chili no-chili di Flavia: è intollerante al peperoncino e quindi può permettersi uno strappo alla regola, a maggior ragione se prima si è autoinflitta un pomeriggio de fuego per preparare un chili con carne con tutti i crismi, di cui non ha potuto assaggiare neppure una briciola. Per prepararlo, attinge a piene mani dalla sua dispensa, forte della convizione che alcuni ingredienti base non possono mancare, che si sia casalinghe disperate o prodi cowboys, come ben sa il di lei marito, ogni qualvolta le chiede la lista della spesa...

L'onion chili di Milena:  il trip da peperoncino esiste e Milena è il suo profeta. Non solo si cimenta in un serial chili da far perdere i sensi all'Omo, ma si spinge addirittura a sperimentare sulla sua pelle gli effetti dell'esemplare più piccante del mondo. Che lei trova non nei meandri delle Foreste Messicane, ma fra gli stand della Fiera del Madonnino, il cui nome viene invocato a più riprese, immediatamente dopo l'assaggio. La performance, comunque, le è valsa imperitura fama fra gli avventori della fiera, molti dei quali hanno chiesto se era tutto compreso nel prezzo o bisognava pagare un extra aggiuntivo, per uno spettacolo del genere, oltre che una scrittura per il sequel dei Fantastic Four, nell'inevitabile ruolo della Torcia umana...

titolo intero: chili con carne con tortilla di semola e i fagioli del cowboy della nonna. E a questo punto, era impossibile non volerne sapere di più, su questo misterioso cow boy che aveva lasciato alla nonna una ricetta di fagioli. A dipanare il mistero, è intervenuto il solito Aristotele, con la forza inesorabile della sua logica: la nonna di Dida ha un personal cow boy; la nonna di Dida ama la cucina. Ergo, la nonna di Dida è...
Eli non si smentisce, neanche questa volta, regalandoci una ricetta pensata, che rivela un retroterra di tutto rispetto. il suo è un chili di confine, che parla davvero Tex Mex, visto il suo amore per il Messico e per la sua cucina. Son messicani i fagioli neri e le tostadas, tortillas cotte sulla piastra e poi fritte in olio d'oliva, che si accompagnano ad un chili di pollo, con la scelta di una carne magra che fa tacer sensi di colpa e dà equilibrio al piatto. Il tocco finale della panna acida ci stende. E ci convince a premiarla con un souvenir d'eccezione- e tacciano i maligni, se pensan che ormai sia scaduto...


due versioni, una classica, con le lenticchie di contorno, una intrigantissima, con un affondo nell'agrodolce delle cipolline, preparate con l'aceto balsamico e il miele. E' un esperimento, nel tentativo di contenere gli effetti del peperoncino e alla fine son tutti contenti, a cominciare dalla creatrice che lo promuove a pieni voti. Noi ci aggiungiamo la giusta ricompensa, basata su complicatissimi quadri atrali, che vogliono che ad una maga del bilanciamento corrisponda per forza un tipo così...

il chili vegetariano di Sabrina: è tornata - e fa sul serio. Il suo è un piatto da antologia, di quelli che ci aspetteremmo di trovare nella carta di qualche ristorante serio, dove i piatti proposti sono un veicolo di cultura e di scelte alimentari consapevoli. Lo troviamo all'emmetichallenge, invece, a firma di una delle blogger più colte e più curiose dell'universo mondo internettiano, che sa fondere in salsa romagnola una ricerca costante, profonda e sempre sorprendente. Il suo chili vegetariano parla la lingua del nostro Sud, che Sabrina immagina simile a quella del Texas, attraverso due varietà di quei fagioli che della cucina tex mex costituiscono l'ossatura. L'unica difficoltà è reperirli-e non solo per ragioni logistiche, trattandosi di due presidi slow food, quindi locali e localizzati: ma principalmente per motivi linguistici: provate voi a ordinare al vostro fruttivendolo un kg di "cosaruciari", senza che vi risponda, come minimo "cosa che?". Ma non temete: siam corse ai ripari...

 Chili-pie con tortillas, contorno di mais e pancetta e salsa allo yogurt di Francesca- sì, lo so, sono noiosa. Ma quando mi capita di imbattermi in blog scritti in modo impeccabile, non posso fare a meno di trattenere l'entusiasmo. Ancor di più se questa prosa così fluida e piacevole commemora il western a fumetti di Bruno Bozzetto, un'omissione imperdonabile da parte della sottoscritta, cresciuta a Corriere dei Piccoli e a Signor Rossi. Ci pensa Francesca a correre ai ripari, col suo solito stile. Così avvincente che, come sempre, si rischia di dimenticare la ricetta, che invece ha tutte le carte in regola per giocarsela, anche questo mese, da tanto è ben strutturata e pensata. E la Francesca che pensa, oggi, non possiamo che immaginarla così...

Chili Vegetariano A modo mio di Claudia- doppia sfida per Claudia, che da buona vegetariana deve rielaborare il suo chili, eliminando la carne. D'altronde, si sa che all'Emmetichallenge, bisogna sgobbare. Mentre dall'altra parte del mondo, qualcuno ha trovato la scorciatoia...

vedi sopra e compicati la vita ancora di più: perchè Mariangela non è propriamente vegetariana e quindi uno strappo alla regola avrebbe anche potuto farlo. Ma lo spirito della sfida ormai la possiede e quindi perchè nn saltare il fosso e approdare sulla sponda dei vegani? Detto - fatto.E noi abbiamo trovato un altro challenge, su misura per lei



Loredana: ci racconta della sua nonna Calamity, che veniva da Buffalo e che da quella terra aveva mutuato la tempra e la grinta per le scelte coraggiose che fece. Una storia bellissima, venata dal rimpianto di non aver mai conosciuto questa antenata, sicura fonte di racconti avventurosi ed esempio di vita. quasi che Loredana sia una normale: intendo dire, come si fa a considerarla dei nostri, una che sforna un capolavoro dietro l'altro - peril suo blog, per l'MTC, per l'MTCblog- e 'sto mese si è pure aggiudicata il the Recipetionist, unica a vincerlo due volte? E comunque: verba volant, photographiae manent: e guardate un po' cosa abbiamo scovato, nell'album che la ritraeda bambina....

Vitto: ho detto marziani? ecco: tre chili da paura, da commozione, da lacrime. Mi sono accertata che mio marito non li vedesse, perchè non faremmo più vita: nè io, per ovvi, impietosi confronti, nè lei, che se lo ritroverebbe a cena tutte le sere. L'unica giustificazione, come ho detto, è che lei venga da un'altra galassia, ancor più che da un altro pianeta. Ragion per cui, Vitto, quando esce questo, ci andiamo assieme: intanto, lo so che ti trovo fra i protagonisti..



Fabiola: attenta alla vita della mamma, dimenticandosi di dirle di usare i guanti, prima di toccare la base di chili. Il resto, è tabu. Ma siamo talmente solidali con la signora, da regalarleil premio più esclusivo della collezione, vale a dire questo:

Lui è Luigi Ganna, vincitore del Primo Giro d'Italia nel 1909, noto alle cronache per aver risposto, al cronista esagitato che gli chiedeva come si sentisse, dopo aver compiuto una sì nobile impresa "me brusa el cul"

Alle 17.00, con i 30 millimetri
e alle 21.00 per la proclamazione del vincitore
Ciao!!!
Ale
Commenta il post

franci 05/06/2013 08:52

ahahahahahahahahaha!!! La bimba cicciosa!!!

letortediele 05/05/2013 11:54

che emozione per me :), e che paura per colui che mi corrisponde (un toro, ma bilanciatissimo!!! ahahahahah) al mio grido di gioia nel vedermi qui citata nell'esatto istante in cui si svegliava...
grazie mille Ale!
adoro questi premi!

Mile 05/02/2013 18:10

ohi ohi sto ancora ridendo :D
come sempre del resto! sei forte Ale!!!! :D
e grazie di cuore :) è un onore!!!!!
baci

Il Gamberetto 05/02/2013 15:49

Ahahahah... grazie mille!!!
Il papa emerito col sombrero mi mancava, ma Ganna... tutta la vita!!

:)
Eli

Donatella 05/02/2013 14:35

Troppo forte questo post....non riesco a smettere di ridere!!!!